27.10.12

Sesso, bugie e hadoken



Pareva finita e invece eccoci qua.
È che quando credi di aver detto tutto su un argomento, poi saltano sempre fuori dei documenti segretissimi che ribaltano la visione delle cose, un po' alla wikileaks insomma ma con più imbarazzo.

Torna quindi a grande richiesta uno dei must di questo blog (no, non l'ha richiesto nessuno, sono frasi fatte, è un modo di dire per creare aspettativa, ma non le guardate mai le televendite?)

Rieccoci dunque alla quinta puntata della quadrilogia Sesso, bugie e...

Cercate di tenervi su le mutande con lo scotch!

[DISCLAIMER: CARI MINORENNI, SE PASSATE DI QUI SAPPIATE CHE TROVERETE COSE CHE NEMMENO UN ADULTO DOVREBBE LEGGERE. PERO', DETTO TRA NOI E CHE NON LO SAPPIA NESSUNO, SE SIETE GLI STESSI CHE SONO ARRIVATI A QUESTO BLOG CERCANDO "YOUPORNO CETRIOLI E MELANZANE PIACCIONO ALLA NONNA" ALLORA NON CREDO CHE QUI VI SCANDALIZZERETE]

(Oggi faccio la lettera A, che comincio a non capirci più un cazzo di quel che ho fatto e quello che non)

Algalmatofilia 


















Dice che è l'attrazione per i corpi inanimati tipo manichini, statue, bambole.
Senza scomodare il mito di Pigmalione e Galatea o la turpe vicenda di quel falegname che costruì un pupazzo dal naso sproporzionato per, insomma avete capito per fare cosa, diciamo solo che il termine è stato coniato da Richard von Krafft-Ebing per descrivere il caso di un giardiniere che tentò di ottenere del sesso da una statua della Venere di Milo.
Cioè, una sega dalla Venere di Milo. Non so se fosse un pervertito ma sicuramente era un ottimista.


Agonofilia


















Pare che per taluni prima di scopare occorra menarsi. Ma menarsi di brutto, tipo che ti rompi le rotule a vicenda e capisci dal rumore della frattura che sei sessualmente compatibile. Che è un po' come mandare un messaggio al 45883 con scritto 'Marco AMORE Elisa', ma eticamente più accettabile e moralmente meno cruento.
Comunque si sa, la commozione cerebrale induce uno stato allucinatorio per cui alla fine se hai scopato o no manco te lo ricordi più. Ma vuoi mettere, dopo il rapporto, accendere la TAC invece della solita scontata sigaretta?

Abasiofilia

















È lo step immediatamente successivo all'agonofilia.
Come dire che le fortune non vengono mai sole, insomma. Ché dopo esserti distrutto ogni tessuto cartilagineo e aver dunque di questo goduto, ti ritrovi a essere l'oggetto sessuale di chi non riesce a resistere al fascino di stampelle, sedie a rotelle, gambe di legno e carrettini con le ruote come quello di Eddie Murphy in Una poltrona per due (tra due mesi è natale, ci siamo, potrete rivederlo finalmente!).
Gli unici consigli che posso darvi è quello di tirare il freno a mano della sedia a rotelle e, per quanto non mi risulta che gli alberi abbiano comportamenti a rischio, io un preservativo su quella gamba di legno ce lo metterei che pur non essendo donna posso supporre che una scheggia proprio lì ("proprio lì" è la figa, se non si era capito) bene non fa (e poi voglio vederti con le pinzette da ciglia a cercare di toglierla).


Astenolagnia



















È un comportamento sessuale nel quale l'eccitazione erotica e il raggiungimento dell'orgasmo sono dipendenti dall'essere umiliati dal partner e dal provare, nei suoi confronti, un senso d'inferiorità.
[No, non ho niente da dire, volevo solo fare della feroce satira politica]



Autoassassinofilia



















Insomma, pare ci sia gente per cui mettersi in situazioni rischiose (ma rischiose tipo che muori) è l'unico modo per provare eccitazione, godono solo se la propria vita è a rischio. No assassini, no party.
Cause di morte vere, quindi. Tipo che mentri scopi telefoni a Mike Tyson e gli dai dello stronzo, oppure ti fai fare un pompino da una cinquantacinquenne ex ddr ex lottatrice che non scopa da dodic'anni e che all'ultima visita spirometrica ha gonfiato la macchinetta.


Autopederastia
























Pare (dico pare ma lo so per certo, ché sono andato a cercarmi le foto) che si possa fare.
Cito testualmente "attività sessuale nella quale un uomo introduce il pene nel proprio ano praticando così sesso anale con sé stesso. Non tutti gli uomini sono in grado di mettere in atto questa pratica a causa delle evidenti difficoltà fisiche". Non vengono nominate le più che evidenti difficoltà psicologiche di tutto ciò, ma suppongo siano implicite.
Dunque, che altro vuoi dire? Beh, a 'sto punto facciamone un motivo d'orgoglio: noi uomini riusciamo a scoparci da soli e voi donne no! Gne, gne!
Che poi magari uno neanche si piace, ma si sa che per un maschio basta che respiri.

Fine.

La prossima puntata con la B nel 2016.

Le altre puntate qui, qui, qui e qui.

[per i maniaci dei titoli, mi sarebbe piaciuto strutturare un post su un gruppo di ragazzi di Lecco.
È la classica comitiva di figli di papà, giovani snob che vanno nei locali trendy e guidano i macchinoni. Titolo: La Lecco bene. (ma dato che non c'è un cazzo da dire su Lecco non si è fatto nulla)]

26 commenti:

  1. Io il must distoblog me l'ero persa e come una cogliona ho pure perso mezza serata a leggere i vari qui quo qua, compresi i commenti (ah, se solo si fosse fatto una doccia!)

    Comunque dopo, ho riflettuto su quanto siano limitate le mie perversioni sessuali (a parte stuprare un clergyman, anche senz'uomo dentro)
    Quindi devo porre rimedio.
    Ho deciso che mi ecciterò masturbandomi sotto lo sguardo attento di un apriscatole.

    PS
    Però quello che più ha smosso i miei ormoni della cellula bersaglio è stato leggere:
    "un conto è l'alternativa, un altro è il ripiego"
    Come si chiama questa perversione?

    RispondiElimina
  2. Io ho un apriscatole qui a casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bipolandia dista troppo da Polentonia ^_^

      Elimina
    2. Ho un apriscatole molto lungo

      Elimina
    3. Ovvio...comprato all'Ikeeea.

      Elimina
  3. Alternativa? Ripiego? Ma devo rileggermi i post?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, non sono solo i lettori a dover soffrire.

      (l'hai detta tu comunque in un commento e non occorre nemmeno che sia contestualizzata...)

      Elimina
    2. Eh, se solo si fosse fatto una doccia

      Elimina
    3. Cazzo che cose intelligenti dicevo quando ho aperto il blog.

      Mio dio, cosa sono diventato...

      Elimina
    4. Puoi sempre resettare e chiamarti Ernesto.

      Elimina
    5. Beh, è un nome di una certa importanza

      Elimina
    6. Pensaci finchè sei in tempo.

      Elimina
    7. Beh, un conto è l'alternativa un altro è il ripiego

      Elimina
  4. hai provato mai? la cosa dell'auto-augello, intendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, quando una cosa mi incuriosisce tendo a voler provarla.
      Però un conto è mangiare le termiti o allenarsi nel tucking, e un conto è tentare di autoincularsi.

      Comunque pensavo fosse solo una questione di misure, in realtà per puro caso ieri sera ho percepito che dipende molto da una certa flessibilità dei corpi cavernosi che evidentemente occorre preparare in qualche modo onde evitare di spezzarlo in due (o almeno questa è la sensazione che ho avuto)

      Elimina
    2. ho dovuto cercare cos'è il tucking e ora m'è venuta voglia di guardare il silenzio degli innocenti

      Elimina
    3. senti ancora gli agnelli urlare, Ciku?

      Elimina
    4. non so se sono agnelli (anche perché nn credo sappiano arrampicarsi) ma son mesi che c'è qualcosa/qualcuno sul tetto proprio sopra la finestra di camera mia che si lamenta.
      true story.

      Elimina
    5. ti sarai scordata qualcosa http://static.tuttogratis.it/628X0/donna/tuttogratis/it/wp-content/uploads/2011/03/amante.jpg

      Elimina
    6. ohccazz! corro!

      Elimina
  5. Come è successo che m'ero persa tal genialata? :D

    RispondiElimina

È l'ultima cosa che potrete dire in questo posto. Pensateci bene prima di scrivere le solite cazzate...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...