13.12.11

Alla rovescia


13/12/11 10.09.08
Ho guardato l'orologio proprio in quell'attimo oggi.

Conto alla rovescia.

Attimi inversi da scandire nell'illusione di una meta.
Numeri sparsi, ordinati più dalla speranza che non dalla matematica. E ci si perde nell'attesa di quello zero liberatorio, principio e fine di questa seria serie, arabesco arzigogolo depauperato da ogni velleità: zero.
Precisamente tondo e forse anch'esso alla rovescia.

Quando ho iniziato a #occupare questo spazio, qualche mese fa, dentro di me dicevo: beh, di roba scritta ne ho, inventiamoci 'sta cosa del diario a ritroso e quando proprio non ho idee ributtiamo nella mischia qualche vecchio scritto.

Non avevo però tenuto conto di tre cose riguardanti i vecchi scritti:
- sono davvero insopportabili, addirittura brutti
- sono su carta, e pazienza per copiarli proprio non ne ho
- niente, è che ormai avevo scritto tre

Ogni tanto mi scrivo qualche nota sullo smartphone: abbozzi di idee, cose su cui vorrei scrivere, una frase estemporanea, un aforisma da cartiglio dei baci.
E se proprio ho voglia di scrivere parto da lì, da quelle briciole di pane abbandonate lungo il sentiero brullo dell'ispirazione.

Perché, come si diceva, non è che io c'abbia molto da dire. Anche se il fatto che questo sia il secondo post per dire che non ho niente da dire già la dice lunga.

Comunque.
E' iniziato il conto alla rovescia. Neanche so dove mi porterà, a cosa sta puntando, a cosa sto puntando.

So che oggi stavo facendo un po' di pulizia tra le note del telefono e ti trovo questa:

"I telefoni non sono come i gatti"
E nella mia testa avrei dovuto scriverci sopra qualcosa.
D'altronde una cazzata frase di tale inutilità sensibilità merita un intervento consono.

Come i gatti. Probabilmente è vero. O forse no, e mi sbagliavo.

P.s. Oggi scrivo a caso, lo so, l'ho notato.
P.p.s. Lo so che esistono sinonimi del verbo scrivere. non è questo post il luogo in cui usarli però

5 commenti:

  1. Beh, i gatti perdono il pelo e i telefoni no, che io sappia...e a pensarci bene, mai visto nemmeno un telefono andare a caccia di topi...

    RispondiElimina
  2. vabbè, è la stessa differenza che c'è tra bufalo e locomotiva... ^_^

    RispondiElimina
  3. Che poi i bufali si muovono in branchi, le locomotive no ^_^

    RispondiElimina
  4. che i bufali abbiano le branchie è una novità, a meno che non si tratti di bufali di mare (ma non essendoci le locomotive di mare il paragone salta)

    RispondiElimina
  5. Il bufalo con le branchie è un qualcosa che va sbufalato a tutti i costi...una locomotiva invece non sbufala, se è a vapore al limite sbuffa...basta, non ce la faccio più ^_^

    RispondiElimina

È l'ultima cosa che potrete dire in questo posto. Pensateci bene prima di scrivere le solite cazzate...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...