1.3.13

Il nuovo che arretra


Come ci insegna la saggezza popolare: col resto di due.
Sono passati 16 post da quel fatidico 31 gennaio in cui roboantemente si annunciava la fine della prima stagione di questo blog dopo 14 post, al coincidere del cinquecentesimo.
Già due post in più e il mondo non è finito.

(No, davvero. Non fatemi parlare delle elezioni. L'ho evitato finora, non chiedetemi niente. Ora mi siedo qui, faccio un bel respiro, e magari capita che mi risvegli. Come Alice. SVEGLIAAAA. 
Eccoli, stanno arrivando. Di nuovo. Arrivano, sono tanti, sono uno. Unounouno. Hanno degli slogan, e non hanno paura di usarli. Di nuovo. Slogan. La sottile differenza tra essere il nuovo e essere di nuovo. Sottile.
Perché me lo chiedo spesso, davvero, magari sono io l'impiegato di De Andrè. Già.
Zeitgeist.)

A fronte di numerose rimostranze, ricorsi, addirittura velate minacce, si è proceduto a un faticoso riconteggio che ha permesso di stabilire che questo è il post numero quattrocentonovanta.
490. Numero felice.
Sarebbe bello vero? Dico, sarebbe bello finirla così, con un numero felice, la primavera che bussa alle porte, il canto armonioso delle washball che tintinnano come campane nei cestelli delle lavatrici.
Qui oggi è capodanno, bati marso, che prima che arrivasse la lega non eravamo così stupidi da queste parti, e a far combaciare settembre - ottobre - novembre - dicembre col loro numero effettivo c'eravamo riusciti. E poi, proprio oggi c'è primavera, pare che il mondo si stia risvegliando e rinascendo. Vane speranze.
O meglio, niente di nuovo. Già visto.
Eppure gli inverni sono sempre delle gomme abrasive. Chissà se cancellano o ingannano...

Comunque, sarebbe bello finirla così. Senza conto alla rovescia, senza l'aspettativa della disillusione.
E invece si rimanda, di nuovo, fuori tempo massimo.
In anticipo per la vita, in ritardo per la morte.

Potrei dire delle cose intelligenti, potrei. Davvero.
Ce le ho que qui che battono sul palato, altro che Lolita. Ma per oggi il tempo è scaduto.

Niente. Se volete chiedermi qualcosa ci sono i commenti. Tanto vi rispondo male.

11 commenti:

  1. Mi ricordavo di qui, quo e qua, ma "que" secondo me è un intruso. Occhio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eppure pare che qualcuno l'abbia avvistato più volte

      Elimina
    2. A quanto pare pure io l'ho avvistato :)

      Elimina
  2. quindi con rimostranze, ricorsi, addirittura velate minacce ti si può pure convincere a continuare?

    gli inverni ti mostrano la vita com'è davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (ah sì, ho cercato cos'è la racola. da noi si chiama strgotic con l'accento sulla i)

      Elimina
    2. le prestazioni sessuali non si contemplano proprio, eh?

      strgotic... beh, la desinenza sembra la stessa

      Elimina
    3. forse possono rientrare nelle "velate minacce"

      Elimina
    4. beh, sveliamole queste minacce...

      Elimina
    5. Ah, pensa che ero convinto che avessi gli occhiali

      Elimina
    6. in certe occasioni li tolgo

      Elimina

È l'ultima cosa che potrete dire in questo posto. Pensateci bene prima di scrivere le solite cazzate...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...