5.2.13

Intermezzo (Voti a rendere)


Vorrei parlare di politica.
Vorrei, ma non ne sono capace.

Lo ammetto, è un limite, della politica dico. Un limite bello grosso quello di non essere in grado di essere parlata da me.
Io voto. Da sempre.

E ho sempre pensato che la preferenza fosse un voto di scambio.
Cioè, io do il mio voto a te, la mia crocetta, i miei assi perpendicolari a 45° (no, non fate gli spiritosi adesso sui 90°, pigreco mezzi e altre battute da studenti di ingegneria con la maglietta dei Ramones), e in cambio mi aspetto che tu amplifichi il mio pensiero, ti impegni a far fare le strade dove mi servono, gestisci le cose come vorrei che fossero gestite io, studi delle leggi che mi siano in qualche modo favorevoli (che mica significa che devi fare delle leggi ritagliate su di me, ma che in qualche modo io, come tutta la comunità, possa trarre benessere da una determinata amministrazione).

Lo scambio non è soddisfacente? Bene, la prossima volta si prova con un altro.
Ecco, tutto lì.

Si chiama Democrazia Rappresentativa, e la cosa tragica è che funziona.

(questo sarebbe il momento in cui dico che non è nella politica che non ho fiducia, ma nella gente. Milioni di stronzi si fanno rappresentare da centinaia di stronzi. Democrazia rappresentativa.
[che seguendo questo ragionamento la Democrazia Diretta diventa milioni di stronzi che si amministrano da soli]).

[No, vabbé, è che mi fanno ridere certi comici, cioè, non è che mi facciano ridere perché sono comici, mi fanno ridere nel senso sminuitivo. Anche la gente mi fa ridere, un po' tutta, ma sono quelle risate nervose che nel mentre ti si chiude la gola e pensi a quelli che dicono che la gente ha la memoria corta e fanno il gioco di chi fa il gioco di quello che dice le cose senza pensare che la gente potrebbe ricordarsele.
Chi può faccia satira e la faccia, di quella che ti dilania nell'istante stesso in cui ti blandisce con una risata, ma chi non può, ecco, chi non può non fa di sicuro un favore a sé stesso crogiolandosi nello sfottò del politico di turno, perché, e questo davvero è il punto che proprio non riescono ad afferrare, in quell'attimo non stai sminuendo l'uomo ma la cazzata che ha detto. Smussandola, modificando l'angolazione da cui si osserva, fino ad ammorbidirne i bordi, arrotondarne gli angoli. Diventa simpatico chi la dice, una macchietta.
Ci si dimentica. Di prima. Del resto.
Com'è già successo.
E quelli che dicono che la gente ha la memoria corta non si accorgono di avere la memoria corta.]

Niente. Fine intermezzo.


11 commenti:

  1. Capisci di stare in apnea nella merda quando ti accorgi di non avere scelta. Quando ogni opzione non ti rappresenta e c'è solo il meno peggio, allora capisci che il tuo diritto si è svuotato del suo valore... e allora che fai?! Bé... dovresti rivendicarlo, proprio perché è un diritto... ma come?!
    Scegliendo un'altra strada... ma quale?!
    Quella più difficile, quella che ora non è riconosciuta come valida. Sì, ma per farla diventare valida dovresti farlo assieme ad altri, assieme a quelli che stanno nella merda come te, sì, ma a loro va di prendersi sta' rogna? Improbabile... e allora?! E allora, bevete piano ragazzi che di merda da ingoiare ce n'è parecchia!

    (sorry! non avendo un blog mio cago il cazzo in giro)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, figurati. Magari dopo ti do la password così posti direttamente... ^_^

      Elimina
  2. banana, se inizi a raccogliere adesioni io la rogna me la prendo perché ora come ora sono piuttosto perplessa. e votare il male minore non m'è mai piaciuta come idea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti bisogna votare il male migliore

      Elimina
    2. il male miglione. ma se son tutti mali migliori?

      Elimina
  3. ci restituiscono l'IMUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU!!!! siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.ilpost.it/makkox/2013/02/05/scacco-matto/

      Elimina
  4. Per amplificare il tuo pensiero dovrebbero innanzitutto essere in grado di pensare -sensatamente- a loro volta, e non mi pare che la pratica di questa sana ancorchè desueta disciplina si trovi molto spesso in cima ai loro cosiddetti pensieri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A differenza di loro tu pensi eccome ;-)

      Elimina

È l'ultima cosa che potrete dire in questo posto. Pensateci bene prima di scrivere le solite cazzate...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...