15.9.12

L'estathè sta finendo


E se si sbagliassero i poeti?

Qualcuno l'ha mai contemplata come possibilità? Qualcuno qui dico, qualcuno di vivo.

Se non fossero state le migliori menti di quella generazione? Sarebbe stato ancora tempo sprecato?
E se davvero avesse già detto tutto ciò che di bello poteva dire? Se quella dimora d'argilla fosse stato l'unico posto in cui realmente sentirsi vivi, invece? E se i passanti non fossero stati interessati ai ragazzi che si amano, avrebbe significato qualcosa quel gesto ormai depauperato dalla sua propria ribellione?
Se avessero detto è solo uno che parla a una capra, una sera che tarda l'arrivo, che non piove e più nulla ci illude. O Ermione, se le Pleiadi snobbassero la luna.

E se si potesse essere seri a diciassette anni.

Già, a diciassette anni vagavo nella canzone che sta riempiendo l'incertezza di questa notte.
Madeleine.
No, ché anche Proust si sbagliava. Poeti e scrittori.
Ed ero serio.

Poi ti domandano, perché capita sempre che prima o poi ti domandino, ma tu se tornassi indietro?
Spiegaglielo te che torni indietro ogni giorno, da sempre quasi, per arrivare fuori tempo massimo, per illudere di futuro un avventato presente. Millantato credito di ogni spicciolo d'esistenza.

E rimani lì, incerto tra il rifarei tutto uguale e l'azzarderei ogni scelta opposta, in bilico tra il sentiero già battuto e la schizofrenia dei bivii.
Osando in ogni caso, cercando mentalmente una terza via, una fuga, il pertugio da cui divincolarsi, rinascere sgusciando dalla placenta della supposizione. Senza rendersi conto, in fine, che altro non c'è che poesia nella vaghezza di quell'ipotesi.

E da qui ci si arriva solo pensando che i poeti si stessero sbagliando. Tutti.

Sono stato serio a diciassette anni.

Rimbaud, ciupa!


8 commenti:

  1. Ti cito Wilde, o al mio commento tramite un suo aforisma ci arrivi da solo?

    RispondiElimina
  2. "Gli amici di facebook non sono veri amici" (O.Wilde)
    Bah, non è che c'entri molto a dire il vero...
    vedo più calzante quella famosa di J.Morrison "Se un giorno ti svegli e non vedi più il sole forse dovresti alzare la tapparella".

    A me viene in mente De Andrè invece, ché mica è vero che i poeti si sbagliano, è solo che imbrogliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me viene giusto in mente "sono state giornate furibonde, senza atti d'amore, senza calma di vento, solo passaggi e passaggi, passaggi di tempo. Ore infinite come costellazioni e onde spietate come gli occhi della memoria, altra memoria e non basta ancora, cose svanite, facce e poi il futuro"

      Elimina
    2. io avevo in mente "i poeti che strane creature, ogni volta che parlano è una truffa"

      Elimina
  3. a tornare indietro sarei sempre la stessa persona e quindi farei sempre le stesse cazzate. però abbandonarsi alle possibilità farlocche può anche essere consolatorio.

    bah, per associazione: http://www.youtube.com/watch?v=ptRjg4fjF6g

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e chi è che ha tempo di tornare indietro?

      Elimina
  4. Io invece farei una marea di cazzate che non ho fatto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, quella di essere in questo blog in questo momento le batte tutte

      Elimina

È l'ultima cosa che potrete dire in questo posto. Pensateci bene prima di scrivere le solite cazzate...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...