8.8.14

Il bustino di Minerva






Io trovo belle le foglie secche che incontri sul ciglio della strada a maggio, nel tripudio della primavera, l'amplesso orgiastico delle fioriture a mitizzare rinascite e smelensa vita che va avanti, e loro, a dondolare marroncine sulla turgidità di vigorosi fili d'erba nuova, loro, morte. Pire funebri che si confondono tra i fuochi di una festa paesana.

Poi trovo belli, anzi bellissimi, i centri commerciali.
Quelli immensi, dove sei sicuro di non conoscere nessuno, dove le commesse non ti chiedono "posso aiutarti?" appena varchi i confini sanguinanti del loro territorio.
I non-luoghi li chiamano, come se fossero un quadro di De Chirico, un paesaggio piangente di Dalì, un freddo taglio di Fontana.
Sono belli della stessa bellezza di certi libri russi, dove le storie s'intrecciano senza toccarsi, quasi con deferenza, o forse solo per troppo coinvolgimento nel proprio piccolo mondo, singoli, coppie, famiglie vocianti di passeggini, ognuno a raccontarsi a sé stesso, inibendo la percezione di essere vetrine che si mostrano tra altre vetrine. Con tatuaggi, vestiti, confidenze, modi di dire, belli anche quando sono tragici o orrendi o di cattivo gusto o inadeguati o ridicoli o offensivi, o belli.

Infine, se proprio dovessi dire di qualcosa che trovo bello (oltre ai temporali, intendo, e le piante carnivore, e i frutti in marzapane, e le penne Replay quelle vecchie, e le spiagge vuote, e le nebulose [ma anche tutto il resto che c'è nello spazio a parte noi], e gli occhi di una donna nell'attimo prima di venire, e la trasparenza dell'acqua dei ghiacciai, e gli ornitorinchi, e i sorrisi dei vecchi, e le tastiere con tutte le lettere scolorite, e altre cose che ora non mi vengono in mente), beh, dovessi dire di qualcosa che è davvero bello direi la pizza il non arrendersi.
Il non arrendersi è meraviglioso, lo stercorario che va a riprendersi la sua pallina di merda appena rotolata giù è bello, non farcela e riprovarci è bello, sopravviversi è fantastico, fregarsene del risultato e continuare, e continuare, continuare è stupido e stupendo.

Ecco, con un po' di ritardo questo è quel che penso della bellezza.

11 commenti:

  1. Non arrendersi è meraviglioso...e se qualche volta si dovesse pure vincere, magari, ne andrebbe a tutto vantaggio della bellezza (così, giusto per non correre il rischio di ridurre il tutto a una grandissima e improduttiva rottura di coglioni).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è questo il punto, che è improduttiva... la chiave del futuro sarà rendere produttiva la rottura di coglioni. gli americani ci stanno già lavorando

      Elimina
    2. E' la luce in fondo al tunnel, finalmente...rilanceremo l'economia avendone piene le palle

      Elimina
  2. questa idea di bellezza mi piace e non ti nascondo che è anche la mia! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi pare giusto non nascondere...

      Elimina
  3. Come dice quell'antico detto della provincia di Chiavari?
    Chi si ferma è perduto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa cosa del fermarsi è un falso mito. La Terra ha una velocità orbitale di 30 km/s, la via lattea viaggia nello spazio a 600 km/s rispetto alla radiazione fossile. Insomma, fermarsi non si può proprio.
      Soprattutto perché in quel caso sarebbe fisicamente impossibile far lievitare la pizza

      Elimina
  4. Finalmente da qui posso commentarti, ma non ti dico nulla: indugio solo nel visualizzare tutte le immagini che hai evocato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, nella bellezza ci sei anche tu. Ma era sottinteso

      Elimina
  5. Questo perché sai che agisco come lo stercorario. Ma sono più carina :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto...(con tutto rispetto per lo stercorario) ;-)

      Elimina

È l'ultima cosa che potrete dire in questo posto. Pensateci bene prima di scrivere le solite cazzate...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...