15.6.13

Mexican Standoff - ovvero Once Ufo a Time in Mexico


Allora, il mexican standoff è una situazione che se avete visto qualche film di Tarantino o la 3x09 di Games of Thrones sapete cos'è.
Se tu spari a me io sparo a lei ma lei se spari a me spara a te o a me e te e te a lei. È una di quelle situazioni un po' complicate in cui a un certo punto succede che almeno uno finisce male

A me, che quindici anni di informatica m'hanno ormai compromesso, fa venire in mente il -911, che non è il numero di emergenza degli Stati Uniti (ma è bello pensare che sia correlato), ma bensì un codice di errore del DB2 che indica un deadlock. E lo dico solo perché ho sempre pensato che deadlock fosse una parola bellissima.

Tanto per farvi capire è come quando a rubabandiera (numerooo, numerooo...) i due giocatori arrivano insieme sulla linea e iniziano a cingersi con le braccia senza toccarsi, e ognuno fa le finte, e anche il portabandiera ogni tanto scuote il fazzoletto e si sta lì, ad aspettare e a far le mossette, finché uno parte.

Ecco, questo numero 9 delle Storie è così. Solo che dovete immaginare che al posto del fazzoletto ci sia il corno di un unicorno. E che uno dei due contendenti sia un pinguino imperatore. Ah, l'ho già detto che il portabandiera è Beppe Grillo? Bene, dovete concepire questa scena qui ma pensare che sia una cosa normale. Fate conto che per voi una partita di rubabandiera sia questo da sempre.

Mexican Standoff  è una storia che parla di narcotrafficanti messicani e di vendetta.
(Lo so, c'è un alien abduction in copertina ma vi ricordate il pinguino imperatore? è tutto normale. Ci sono anche delle caprette in copertina, qualcuno pensa che sia una cosa anormale? o che la storia parli di caprette? appunto...)

È una storia che finisci di leggere e pensi di non aver capito. Anzi, dici proprio 'eh?'. Però la sensazione è quella di essere tu, cioè lei fila liscia che nemmeno te ne accorgi ma a te manca qualcosa. Sai che ce l'hai lì ma non riesci a focalizzare, un po' come quando guardi il sole per un attimo e il ricordo di questo inizia ad andarti su e giù per la retina.

Quindi riprendi in mano il fumetto, riparti che so da pagina 66, fai un bel respiro e te lo rileggi con calma.
Oh, non ci crederete ma funziona!

E funziona proprio perché ci sono i narcotrafficanti, la frontiera, il capocartello sadico, i messicani che dicono caray, e i rapimenti alieni, l'esercito, le armi genetiche, gli ufo, i poliziotti corrotti, i poliziotti infiltrati, l'eroe (poco di) buono, gli spiriti, degli alieni che non sono alieni, degli alieni che forse sono alieni, le rapine in banca, i mitragliatori attaccati ad arti amputati, uno che doveva essere morto e non lo è, il villaggio dove i cellulari non prendono, le camicie da mariachi, gli sciamani, i viaggi nel tempo e le caprette.
(che pare facile fare un buon fumetto con le caprette, ma quelle mica stanno ferme [a parte le svenevoli, ma questa è un'altra storia...])

Un discorso serio sul post-ufologico lo fa l'autore qui.

Ecco, ho detto tutto. I disegni sono di un riuscitissimo Matteo Cremona, i testi di un dieghissimo Diego Cajelli a cui, secondo me, sono mancate due o tre pagine (ma proprio boh, giusto un respiro un po' più ampio nel finale, ma magari anche no...)

E niente, se siete di quelli che la carbonara si fa solo col guanciale altrimenti è un'eresia allora questa storia non vi convincerà. Se invece credete che con degli ingredienti buoni si possa fare tutto quel che si vuole allora fa per voi.

Se vi piacciono le caprette, fa per voi.

7 commenti:

  1. Ho bassa tolleranza per i fumetti - non sono la tua donna ideale, vedi? - però morivo dalla voglia di commentare "Everybody be cool, this is a robbery!" :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la mia donna ideale deve interessarsi di quel che interessa a lei, mica di quel che interessa a me... E comunque a voi pulp fiction v'ha fatto davvero male ;-)

      Elimina
    2. Malissimo, ci ha fatto, come pure Thelma e Louise: chissà se prima o poi nella vita sparerò mai a un tir pieno di benzina? Sarebbe fighissimo, a livello estetico :-)

      Elimina
    3. ecco, il mio sogno era quello di guidare un tir pieno di benzina... ma facciamo che passo.

      Elimina
  2. Cajelli è una garanzia, e per quanto riguarda le caprette io sono favorevolissimo...sì, credo che faccia per me (ah, mai avuto quel tipo di pregiudizi sulla carbonara)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io la carbonara la faccio con il pomodoro al posto dell'uovo e il tonno al posto della pancetta... una piccola variante ^_^

      Elimina
    2. Con dei buoni ingredienti si può fare tutto quello che si vuole ;-)

      Elimina

È l'ultima cosa che potrete dire in questo posto. Pensateci bene prima di scrivere le solite cazzate...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...